ITI Omar - Novara                                     torna indietro                           Classe V^ TC  -  A.S. 2003 /’04

 

 

Relazione sul convegno: “Il Piemonte Incontra Gli Studenti”.

                                              

UNA GIORNATA INSOLITA

“Il Piemonte incontra gli studenti… Si, ma il Piemonte chi?”

 

 

Il 19 Febbraio 2004, gli studenti di varie scuole del Novarese vengono invitati ad un incontro presso il teatro Coccia di Novara.

Nonostante la mancanza di precise informazioni, l’intrepida classe 5° TC dell’ITI OMAR decide di accettare l’invito. Accompagnata dal docente prof. G. D’Aurea, si dirige puntualissima all’incontro, affrontando la nevicata che si sta abbattendo su gran parte del Nord Italia da due giorni. Arrivati al teatro Coccia, dopo una piccola attesa, possiamo accomodarci nella sala, proprio in prima fila, ancora inconsapevoli delle modalità del convegno. L’attesa si prospetta un po’ più lunga del previsto, perché la neve rende difficili i trasporti delle classi che arrivano da fuori, ma alle ore 11.00 (con circa mezz’ora di ritardo) tutti sono pronti ad ascoltare quello che il Piemonte ha da dire. Il momento è arrivato: ecco che una figura compare sul palco e saluta calorosamente tutto il teatro.  Un attimo di confusione mentale, ma poi voilà schiarirsi le idee: un viso familiare, una voce familiare. Il Piemonte, in realtà, è Marco Berry, famoso giornalista comico della trasmissione di Italia Uno: “Le Iene”.

Con la classica disinvoltura da show-man, M. Berry incomincia a spiegare le ragioni dell’incontro e le finalità. La minaccia di un noiosissimo convegno con i maggiori esponenti politici della Regione Piemonte è svanita, anzi, si prospetta una bella e allegra mattinata che poi si è anche dimostrata educativa per convincere i giovani a sfruttare tutte le possibilità che la Regione offre a chi decide di investirvi in una nuova attività.

M. Berry ha tentato di far emergere alcuni dei nostri e suoi “sogni nel cassetto” che magari pensiamo irrealizzabili; ci ha parlato dei vari incentivi che si possono ottenere al fine di finanziare una nuova attività e ci ha segnalato l’esistenza di un servizio chiamato “Il filo di Arianna”, gratuito, che aiuta gli aspiranti imprenditori ad ottenere finanziamenti dalla Regione, sbrogliando le varie pratiche burocratiche.

Durante la mattinata sono stati proiettati alcuni filmati, che riportavano le testimonianze di vari personaggi famosi (Eiffel 65, Luciana Littizzetto, la ditta Robe Di Kappa…) tutti torinesi, che invitavano noi ragazzi a non abbandonare la nostra terra per andare in luoghi che crediamo più ricchi di possibilità, perché anche in Piemonte è possibile ottenere dei risultati ottimi, semplicemente sfruttando una buona idea (ovviamente con i dovuti impegno e fatica).

Durante la mattinata vi sono stati anche alcuni interventi di persone dal vivo, finalizzati alla promozione delle possibilità lavorative e di studio nella regione Piemonte: un ufficiale ci ha parlato della facoltà di Scienze strategiche, a Torino, legata all’Accademia di Modena, un esperto di magia ci ha parlato della sua équipe.

Il punto di forza di questo incontro è stato sicuramente la capacità di Berry di interagire con il pubblico, colpito e soddisfatto per i suoi modi semplici ma efficaci di fare spettacolo. Verrà pubblicato su internet un resoconto di tutti gli incontri avvenuti nella Regione al sito: www.ilovep.it .Tutto sommato il giudizio sull’iniziativa è buono, anche se credo che molti dei bei propositi dell’incontro rimarranno solo parole, perché per aprire un’attività propria, senza essere sbranati e digeriti dalla giungla del marketing, non bastano una buona idea e un incentivo monetario (è un buon inizio) ma occorrono anche capacità personali non indifferenti. 

 

 

 

Paolo Nozza                                               Classe 5° TC                                        6 Marzo 2004