Rubrica ICT-News

<-back

Rivista Communications ACM, ICT News , novembre 2008
(Association for Computing Machinery)

Ricercatori "craccano" la crittografia di un computer futuristico basato sulla meccanica quantistica
TG Daily (3/11/2008), Wolfgang Gruener

Un computer quantistico ritenuto inviolabile è stata "craccato" da ricercatori-hacker del politecnico di Eindhoven. Il gruppo di ricerca ha messo a punto un software in grado di violare un algoritmo di crittografia che ha resistito agli attacchi degli hacker per 30 anni. Ha usato una rete di 200 computer in parallelo per decrittare un lungo testo crittato usando l'algoritmo McElience, in una settimana. Tuttavia questo algoritmo può essere potenziato aumentando la lunghezza della chiave (ora lunga 219 caratteri). Va detto che i messaggi criptati sono molto più ingombranti del testo originale il che rende più probabili gli errori di trasmissione. Inoltre l'algoritmo è per sua natura asimmetrico e non può essere usato per firme elettroniche.

L'istruzione nel 2015: apprendimento cibernetico per studenti digitali.
Network World (30/10/08), John Cox

Durante l'ultima conferenza sulla didattica (Educause) a Orlando, Florida la professoressa Cristina Borgman dell'università della California di Los Angeles (UCLA) ha parlato di come potrebbe essere l'istruzione nel 2015 se insegnanti, educatori, ricercatori e politici sapranno seguire le tendenze emergenti nella tecnologia. Gli ambienti educativi avranno a disposizione reti wireless a larga banda e ampie basi di dati digitali, comprese quelle ottenute con da reti di sensori e strumenti di analisi. La presentazione della professoressa era basata su un rapporto realizzato dal gruppo di lavoro del Consiglio Nazionale delle Ricerche degli USA sul ciber-apprendimento chiamato "Fostering learning in the Network World: the Cyberlearning Opportunity and Challenge" che esamina sistemi di sensori il loro impatto sulle problematiche sociali.
La dottoressa Borgman è ricercatrice alla UCLA (università della California, Los Angeles) presso il centro Sensori che sviluppa sistemi sensoriali Wireless e sottolinea che oggi gli studenti, anche se non sono ancora "nati digitali", stanno già usando molti strumenti del digitale per migliorare la loro comprensione del mondo e imparare in modo non tradizionale. Ma, quando entrano in classe, nelle loro vecchie scuole, finisce purtroppo il loro rapporto con il Web e le nuove tecnologie.
Nel 2015 la scuola cambierà e così il modo di imparare in classe e a casa. La simulazione al computer, i laboratori virtuali con accesso remoto e gli strumenti software di visualizzazione dei dati permetteranno allora agli studenti di elaborare grandi quantità di dati in tempo reale. Le studentesse e gli studenti avranno pieno accesso a tutte le informazioni e potranno condividere le loro esperienze con i compagni e i professori.


La sicurezza dei computer: progressi e allarmi secondo la Microsoft.
New York Times (3/11/08), John Markoff

La sicurezza del sistema operativo Windows è migliorata molto negli anni ma gli attacchi dei virus e le frodi informatiche sono diventate più pericolose secondo il rapporto biennale della Microsoft "Security Intelligence Report".
La Microsoft biasima il crimine organizzato, i principianti hacker e la concorrenza accusandoli dell'aggravamento della situazione. L'ammontare del software maligno o potenzialmente dannoso è aumentato del 43% nella prima metà del 2008. Se pure Windows è diventato più sicuro gli hacker hanno puntato sui punti deboli delle applicazioni. Il rapporto Microsoft rivela che che oggi il 90% dei virus attacca le applicazioni contro il solo 10% per il sistema operativo.
Microsoft afferma dunque che le pratiche della sicurezza devono ora concentrarsi sugli applicativi altrimenti i progressi di Windows sono inutili. I responsabili della sicurezza informatica sono d'accordo: Microsoft può solo rendere sicuro il suo sistema operativo - dice Patrik Runald di F-Secure - . L'industria dei computer ha combattuto una battaglia perdente perché i criminali informatici rubano identità e commettono altri reati. E' una sfida difficilissima. Microsoft ha fatto la sua parte per Internet Explorer e Windows con alterno successo. I computer negli USA, comunque, hanno visto crescere le infezioni da virus informatici del 25,5% negli ultimi 6 mesi.


Robot musicisti compongono canzoni in modo collaborativo

Un musicista ed esperto di computer dell'università di Plymouth in Inghilterra ha realizzato due robot in grado di cantare insieme e con voce umana. Il primo robot canta un ritornello di 6 noti casuali l'altro fa l'accompagnamento. Poi il primo confronta le due voci indicando le note comune mentre il secondo memorizza la composizione. I robot ricordano i suoini comuni e questa memoria rappresenta la conoscenza musicale condivisa.
Il programmatore dei due robot si chiama Eduardo Miranda e ritiene che i robot possano produrre musica diversa da quella composta dall'uomo: egli conclude che la cultura musicale dei robot è dunque originale e diversa da quella umana.
.

Sensori intelligenti per i robot monitorano le attività del vulcano St. Helens
Columbian (WA), Isolde Raftery

Il professor Wenzhan Song , il docente di idraulica Rick LaHusen e un gruppo di studenti universitari dell'università dello Stato di Washington insieme con il Jet Propulsion Laboratory della NASA stanno lavorando per creare reti wireless più affidabili per monitorare il vulcano St.Helens che nel luglio scorso è tornato dormiente dopo tre anni di eruzioni.
Con un finanziamento di 1,63 milioni di dollari i ricercatori stanno mettendo a punto 12 sensori intelligenti che comunicano fra loro e con un hub remoto. I tecnici della NASA dal canto loro seguono la ricerca sperando che sia utile per l'esplorazione di Marte. LaHusen ritiene che i sensori devono destreggiarsi anche nel caso di eventi catastrofici come ghiaccio, neve e tempeste attraverso la comunicazione fra di loro. Possono rilevare movimenti, inviare dati all'osservatorio Ridge sul monte St.Helens. La rete di sensori in fase di progetto potrà tornare utile nelle applicazioni di trasmissioni radio di emergenza ad esempio in miniera.

< back           ^ top