Rubrica ICT-News

Rivista Communications ACM, Technews, settembre 2005
(Association for Computing Machinery)

Time-Saving Toll: Google galvanizza un'invenzione di uno studente dell'UCSD
UCSD News (30/08/05)
Doug Ramsey James Anderson dell'università di California a San Diego ha inventato una tecnica che permette a un file di essere trasferito automaticamente da un computer ad altri dispositivi. L'invenzione dello studente conosciuta come sincronizzazione trasparente o Tsync ha attirato l'attenzione di Google che ha aiutato Anderson a finire il software e ha attivato la Licenza GNU; Tsync conserva la consistenza fra versioni del file di differenti computer, PDA e cellulari di terza generazione assicurando la connettività fra le diverse macchine. Il lavoro di Anderson era parte della Google's Summer of Code Initiative dove la ditta di ricerche Web incoraggiava studenti programmatori a sviluppare software innovativo. Anderson deve l'idea del suo progetto alla frustrazione che provava quando doveva trasferire manualmente file fra i suoi quattro computer che usa al lavoro e a casa. L'innovazione cruciale di Anderson sta nell'automatizzare il processo di trasferimento dove i programmi di sincronizzazione esistenti come Rsync e Unison richiedono aggiornamenti manuali, collegamenti fra solo due dispositivi; al contrario Tsync costruisce un file di configurazione che definisce quali directory devono essere sincronizzate e identifica quali computer host sono parte del gruppo. Le tecniche peer-to-peer e overlay assicurano che molti host possono essere sincronizzati e un protocollo root fail-over è inviato che mantiene ogni nodo connesso e controlla l'aggiornamento. Anderson ha scritto Tsync in C++ e Mace e l'ha testato su gruppi di sistemi su reti wide-area.

Programmi di computer imparano regole di linguaggio e compongono frasi senza aiuto esterno
Cornell News (30/08/05), Susan S. Lang
Il professore di psicologia della Cornell University Shimon Edelman e ricercatori dell'università di Tel Aviv hanno sviluppato Automatic Distillation of Structure (ADIOS) una tecnica che mette in grado un computer di scannerizzare un testo e poi estrarre autonomamente ricavare regole di linguaggio e comporre nuove frasi. Edelman afferma "Questa è la prima volta che un algoritmo senza supervisione umana si dimostra capace di apprendere sintassi complesse, generare nuove frasi grammaticali e di essere utile in altri campi che richiedono la scoperta di strutture da dati grezzi come la bioinformatica". ADIOS allinea ripetutamente le frasi e scannerizza per trovare segmente corrispondenti per trovare configurazioni complesse in un testo grezzo. L'algoritmo di ADIOS è stato testato sul testo completo della Bibbia in diverse lingue, nella notazione musicale, in dati biologici come sequenze di proteine e linguaggi artificiali liberi da contesto con grandi insiemi di regole. Esperimenti hanno dimostrato che ADIOS, usando generalizzazioni strutturate e estrazioni statistiche di configurazioni può scoprire strutture complesse da trascrizioni di parlato di genitori a figli molto giovani. Edelman afferma che questa capacità può aiutare i ricercatori ad apprendere come i bambini alla fine diventano capaci di imparare la lingua madre. La U.S.-Israel Binational Science Foundation ha parzialmente sponsorizzato il progetto ADIOS.

Internet: che cosa c'è all'orizzonte
CNN(29/08/05), Daniel Sieberg
Il capo di ICANN Vinton Cerf, ritenuto spesso ono dei padri fondatori di Internet, anticipa che la rete del futuro permetterà agli utenti di operare e maneggiare altri dispositivi abilitati a Internet con dispositivi mobili e in più prevede una rete interplanetaria che connette astronavi, stazioni spaziali fisse e missioni. Circa il 66% delle persone intervistate l'ultimo anno dal Pew Internet and American Life Project si aspetta almeno un catastrofico attacco all'interno della prossima decade , benchè il capo della cybersecurity Howard Schmidt crede che per quel momento i computer saranno in grado di auto configurarsi ed auto ripararsi. Egli prevede che tutti i dispositivi saranno auto controllati e avranno un indirizzo di protocollo Internet sicuro. Più di due terzi degli intervistati da Pew dubitano che il voto online sarà sicuro e diffuso entro il 2014 benché Mike Alvarez che ha co-diretto il progetto Caltech-MIT tecnologia del voto dica che la migrazione all'e-voting potrebbe far fronte ai problemi legati ai seggi all'addestramento degli operatori e alle sfide che i votanti devono affrontare. La maggior parte delle risposte al Pew si attendono che l'intrattenimento online -film,musica e simili- migliorino. Gli home computer o gli hub digitali sono visti in futuro come il punto focale del soggiorno di casa. Il rapporto indica che la sorveglianza governativa dei cittadini proliferà grazie alla natura pervasiva di Internet mentre la separazione fra lavoro e divertimento continuerà ad assottigliarsi.