Rubrica ICT-News

<-back

Rivista Communications ACM, Technews, aprile 2007
(Association for Computing Machinery)

Come i sistemi multicore ridisegneranno i computer
EE Times (27/3/07), Richard Goering
Nella sua relazione all'esposizione sui sistemi 'multicore' il professore del MIT Anant Argawal ha affermato che i sistemi con più processori in un chip richiederanno ai progettisti di ripensare alle architetture dei computer in modo drastico E prevede che ci saranno centinaia di processori in un solo chip entro i prossimi anni. Aumentandone il numero e mantenendo la memoria cache piccola darà migliori risultati rispetto all'aumento della dimensione della cache. Egli aggiunge che la formula "mantieni se l'aumento è meno che lineare" che significa che la risorsa in un processore deve essere aumentata in dimensioni solo se ciò produce un aumento delle prestazioni in modo proporzionale, può aiutare a determinare la dimensione ottimale della cache di uno specifico sistema. Per la connessione dei processori Argawal ha sostenuto l'idea di maglie distribuite (messhes) rispetto ai sistemi ad anello o a bus, poiché le maglie sono aumentabili di scala, sono più efficienti dal punto di vista energetico e offrono schemi più semplici. Le architetture sovrapposte ("tiled"), distribuite pienamente senza risorse centralizzate sarà la strada del futuro, mentre i multiprocessori basati sui bus spariranni entro uno-due anni. La difficoltà di programmare i sistemi 'multicore' è il risultato del fatto che strumenti per la programmazione parallela sono in un brutto momento e che approcci vecchi non sono sufficienti. La progettazione ASIC e la capacità di trasferire dati da un'unità all'altra rappresentano una soluzione possibile. I dispositivi 'multicore' trarranno beneficio da una programmazione "socket like" e Argawal ha sottolineato che l'Associazione multicore" ha proposto apposite API di comunicazione. Se avverrà un tale sviluppo, la cosa migliore sarà offrire un percorso evolutivo: qui sta la sfida.

La divisione per sesso cresce in informatica
Wisconsin State Journal (29/3/07), Hrather LaRoi
Le iscrizioni ai corsi di informatica stanno declinando proprio nel momento in cui gli esperti stanno diventando una risorsa significativa a causa dell'abbondanza di posti di alta tecnologia della prospettiva di continua espansione del mercato. C'è stato un calo del 60% nel numero di studenti che si dichiarano interessati all'informatica dal 2000 secondo Jan Cuny del Iniziativa per l'allargamento della partecipazione al computer. Circa il 10% dei posti di ricerca sono riservati alle donne e la percentuale delle lauree in informatica all'università del Wisconsin-Madison è diminuita dal 16 al 9% fra il 1998 e il 2006. Molti esperti sono sconcertati dal crescente gap fra i sessi in informatica e scienze tecnologiche, poiché gli studi indicano che gli sforzi per coinvolgere più donne in matematica e scienze pure hanno dato buoni risultati. Cuny cita uno studio del NSF che mostra che si è verificata una perdita del sesso femminile in informatica, in contrapposizione a quanto avvenuto in ingegneria e fisica. Una ragione spesso addotta è la diversità nell'uso del computer fra uomini e donne: mentre i maschi tendono a vedere i computer come mezzo di divertimento e gioco e per estensione di programmazione, le femmine li vedono spesso come strumenti di elaborazione testi, il che limita il loro fascino. L'istruttore IT del Medison Area Technical College Nina Millbauer afferma che l'immagine dei professionisti informatici è solitaria, fattore scostante per le ragazze e le donne. Cuny osserva che segni di insicurezza del posto di lavoro scoraggiano le donne dall'entrare nell,IT, benché la tendenza per i lavori IT sia più sicura che mai con il Dipartimento del Lavoro che prevede una crescita più alta della media per la maggior parte delle posizioni elevate in informatica fino al 2014.

L'ibridizzazione di silicio e ottica per migliori prestazioni
TechNewsWorld (28/3/07), John P.Jr. Mello
Il filtro ottico realizzato ai laboratori Alcatel-Lucent realizzato con silicio può migliorare la velocità delle reti in fibra ottica e trarre vantaggio dalle odierne tecnologie. I filtri di rete oggi devono convertire un segnale ottico in uno elettrico e ripulirlo, per poi operare la conversione inversa prima di reinviarlo. Ciò che fa il nuovo filtro è permettere al segnale di essere ripulito come segnale ottico così che l'alta velocità ottica non sia rallentata dall'elettronica. Il manager tecnico Sanjay Patel ha spiegato che questa è una nuova tecnologia anche se realizzata con i tipici componenti ottici. La novità sta nel fatto che l'abbiamo realizzato su una piattaforma di silicio, il ha rappresentato un evento storico. L'unione di silicio e fotonica permette di avere "ottica su un chip" e di beneficiare dell'infrastruttura del chip al silicio, un obiettivo sia dell'industria sia della ricerca. Ciò può portare a dispositivi più piccoli e sofisticati. Patel continua dicendo che si apre una nuova classe di strutture e architetture che solo si possono immaginare nelle versioni tradizionali. La fotonica col silicio può aumentare la velocità di Internet perché si può mettere qualsiasi cosa su un piccolo chip e far crescere l'integrazione, mettere molti chip in dispositivo energeticamente più efficiente in modo da trattare più velocemente i segnali. Si stima che ci vorranno da tre a cinque anni prima che la nuova tecnologia sia di uso comune nelle reti.

Linux aiuta la bibiolteca del Congresso americano a conservare la Storia d'America
Linux.com (28/3/07), Michael Stutz
La conservazione della storia americana è l'obiettivo di un ambizioso progetto che sta per imprendere la biblioteca del Congresso Americano in cui sistemi con Linux saranno usati per digitalizzare documenti rari di pubblico dominio e renderli accessibili online in vari formati. Il ruolo del software open-source in questa iniziativa è assolutamente critico secondo Brewster Kahle, archivista Internet. L'elemento chiave è Scribe, un sistema per la scansione dei testi che conmbina hardware e free software che è stato portato integralmente in Linux. I documenti da scannerizzare saranno conservati in una workstation Linux nella Biblioteca del Congresso e fotografati da due fotocamere; la qualità sarà garantita da un operatore umano, poi Scribe trasmetterà le immagini all'archivio Internet di San Francisco dove saranno elaborate e pubblicate online in formati multipli. Dopo essere state scannerizzate e trattate le versioni digitali dei documenti saranno liberamente accessibili , come affermato dal bibliotecario responsabile Jeremy E.A. Adamson. Una parte del materiale storico è così deteriorato e fragile che metterlo nello scanner di Scribe potrebbe danneggiarlo irrimediabilmente e Adamson afferma che lo sviluppo di una classificazione e descrizione di tale materiale farà parte del progetto. Se occorreranno nuovi modi di digitalizzazione per questi materiali la Biblioteca del Congresso e l'archivio Internet collaboreranno per rendere tali strumenti pubblicamente disponibili.

Studenti di tecnologia creano robot che giocano a calcio
Roanoke Times (VA)(31/3/07), Greg Esposito
L'università Virginia ha messo i suoi robot e altre innovazioni in mostra l'ultimo lunedì per la esibizione di tecnologia ingegneristica. Il robot che ha ricevuto le più grandi attenzioni è stato DARwIN (il robot antropomorfo dinamico con intelligenza) che nella sua ultima versione è stato progettato e programmato da un team di studenti di ingegneria. Un robot di piccole dimensioni che può muoversi come un uomo, DARwIN, è stato iniziato tre anni fa da Dennis Hong, un professore di ingegneria meccanica, fondatore e direttore del laboratorio di Robotica e Automazione. Il robot di circa 60 cm con proporzioni umane fa uso di sensori per bilanciarsi e sentire ciò che tocca, di macchine di visione ruotanti e fisse per localizzare oggetti, un software su computer per il "cervello" e motori per il movimento. DARwIN ha ottenuto il secondo posto in una competizione studentesca internazionale, è apparso sulla copertina della rivista di robotica Servo e un video del robot su YouTube è stato visto più di 13000 volte. Il robot parteciperà alla gara di calcio per robotica e intelligenza artificiale RoboCup a luglio presso l'università della Georgia.

< back           ^ top